Adolescenti / Adulti / Disturbi alimentari / Emdr

Cura dei Disturbi alimentari con EMDR Francesca Savarino

Se c’è una cosa che ho imparato usando l’EMDR, è che è come il prezzemolo, se c’è una buona responsività da parte del paziente, sta bene dappertutto nel percorso terapeutico. Negli anni ‘80 era un detto molto usato e curiosamente è proprio in questo decennio che Francine Shapiro scopre che il movimento oculare riesce a curare i traumi. So che sembra molto riduttiva come introduzione, ma voglio partire dal semplice, per spiegarvi perché l’EMDR FUNZIONA ANCHE CON I DISTURBI ALIMENTARI.

Partiamo da questo primo concetto: l’EMDR è una tecnica di elaborazione cerebrale profonda e potente.

Come funziona l’emdr in sintesi? Partendo dal fatto che la maggior parte di nostri ricordi a sfondo emotivo è depositata nel cervello destro, e che spesso non c’è molto collegamento fra questo e il cervello sinistro (che invece è pragmatico), ecco spiegato il perché tendiamo a rispondere nei momenti di stress, sempre in maniera emotiva e ripetitiva: Ci diciamo le stesse cose e questo non fa che rinforzare un circuito che di per sé è già abbastanza chiuso.


L’EMDR RIPRISTINA IL COLLEGAMENTO


Grazie a sessioni strutturate in cui si rientra celermente nelle situazioni dolorose e propriamente traumatiche, la persona, in maniera molto veloce, attraversa il ricordo ed il disturbo legato ad esso ed inizia a provare pensieri, sensazioni ed emozioni nuove. Questo avviene anche con persone che soffrono di anoressia, bulimia e obesità, perché anche i disturbi alimentari, che spesso sembrano non rispondere a nessun ragionamento e non rientrano di fronte a nessuna logica, nemmeno quella della morte, hanno avuto dei fattori scatenanti e dei fattori precipitanti.

IN TERAPIA con L’EMDR nei disturbi alimentari affrontiamo passato presente e futuro.

PRESENTE
Spesso esistono convinzioni radicate nella persona che con l’avvento del Disturbo alimentare si sono trasformate in vere e proprie catene d’acciaio.
Così come insegna il secondo livello di formazione in EMDR, ma anche l’Ego State Therapy, dobbiamo iniziare a dialogare con le parti, anche con quelle che sono cocciutissime Rotthermeyer (che non è una porzione di cervello nominata come qualche collega più anziano e barbuto, ma è proprio l’irreprensibile tutrice di Heidi, o almeno io me le immagino così). Ecco. Queste parti, IPERCRITICHE e DUBBIOSE, attraverso il dialogo rinforzato da sessioni di lateralizzazione (che fanno sempre bene per amplificare l’esperienza quando col paziente abbiamo fatto un buon lavoro), un po’ alla volta iniziano a trattare.
Non cedono, ma trattano. Se pensiamo quanto sia importante l’illusione del controllo nei disturbi alimentari, potete comprendere quanto sia più utile lavorare sulla mediazione piuttosto che sulla guerra

PASSATO
Partiamo dai ricordi dei fattori scatenanti, precipitanti.
Shapiro li avrebbe definiti traumi con la t minuscola, cioè traumi relazionali in apparenza non così gravi, che però nel tempo hanno scavato solchi nella psiche come la goccia d’acqua nella roccia.
In TERAPIA, con L’EMDR affrontiamo i ricordi dei fattori scatenanti, precipitanti e non solo.

FUTURO
Quando hai a che fare con i disturbi alimentari, devi tenere da conto che a fare frizione non è solo la parte mista critico-dubbiosa che la persona sente parlare ma anche le fantasie disastrose relative al futuro durante il percorso di guarigione.
Queste fantasie riguardano in primis un corpo che non ci piacerà perché avrà ripreso dei chili e tutto quello che concerne portarlo a spasso in mezzo agli altri. In questo caso l’EMDR lavora sulle scene future in cui la persona potrà trovarsi in difficoltà, affinché proiettandosi al futuro l’ansia possa scendere e diventare meno fastidiosa durante i progressi.

Ma bastano queste tecniche per garantire il successo terapeutico nel trattamento dei disturbi alimentari?


Certo che no. Una psicoterapia è per prima cosa un incontro di anime. Se non avviene, se non si crea una buona alleanza terapeutica fra terapeuta e paziente, puoi avere e proporre tutti gli strumenti innovativi di questa terra ma non funzionerà.
Primo perché l’EMDR (che spero in questo articolo di aver introdotto semplicemente) non è proprio semplice da attuare col paziente. Essendo una tecnica basata su un doppio focus di attenzione, il paziente deve avere buona fiducia nel terapeuta e di rimando in se stesso per riuscire a stare nella pratica.


Secondo perché la relazione e l’esperienza che si fa in questa, che è riparativa rispetto a tutte le altre fa da collante a tutti momenti in cui si lavorerà con queste tecniche che sono focalizzate sul corpo.

Terzo, perché ci sono persone che amano la terapia dialettica classica ed è giusto andare incontro alla preferenza delle persone… Perché ogni persona è unica.

Disturbi alimentari e lock down

http://Anoressia

Problematiche

anoressiabulimia

Dottoressa Francesca Savarino

Via della Catalana 3 Ravenna

Via Bezzecca 13 Bologna

3929644949

savarino.francescapsy@gmail.com

COME FUNZIONA LA TERAPIA EMDR NELLA CURA DI ANORESSIA, BULIMIA E OBESITÀ.