La web therapy

 

Per web therapy intendo la “Internet Therapy” di Rochlen, et al., 2004, cioè

“un tipo di interazione professionale che usa internet per connettere professionisti qualificati nella salute mentale e i loro clienti”.

Sono approdata a questo tipo di psicoterapia negli ultimi dieci anni, raccogliendo riscontro in alcune tipologie di pazienti:

 

 

  • Italiani all’estero già alle prese con i propri problemi e ulteriormente caricati dalle difficoltà di inserimento (ad esempio: Stati Uniti ed UE);
  • Pazienti trasferitisi in altre città;
  • Adolescenti troppo disorganizzati o impegnati per frequentare regolarmente il mio studio;
  • Hikikomori;
  • Pazienti con difficoltà motorie.
  •  

Quello che accade da schermo a schermo è sovrapponibile a una terapia vis a vis: ci si sente emotivamente coinvolti e le reazioni emotive sono le medesime. La web therapy secondo l’Universita di Zurigo non solo ha pari efficacia con quella tradizionale, ma secondo un articolo de Il Tempo del 7 gennaio 2006 nel 18% dei casi sembra essere più efficace.

Provando a spiegare questi dati così confortanti, credo che la “comodità” sia determinante:

 

 

  • il più delle volte il paziente è a suo agio in casa sua e può starsene con la sua tazza di caffè;
  • non c’è un confronto diretto fra i corpi e il loro linguaggio e questo oltre ad abbassare il conflitto porta ad aumentare l’espressività facciale e la gestualità;
  • lo schermo agisce da scrivania, perciò il paziente decide il taglio che vuole dare all’inquadratura e questo, specie nei disturbi dell’immagine e dell’autostima, funziona da calmante;
  • vengono a meno certi passaggi che possono arrecare tensione, come giungere alla seduta e affrontare la sala d’attesa.
  •  

La maggior disponibilità di orario favorisce la continuità della terapia e quindi anche il beneficio.

In generale io uso la web therapy in terapia individuale e nelle sedute di raccordo dei genitori con figli minorenni.

Esistono però casi in cui è sconsigliata: ad esempio nei disturbi gravi di personalità, nella terapia famigliare e di coppia.

La durata della seduta è di 50 minuti.

Ricevo su appuntamento nei miei studi di Bologna e Ravenna, oppure online.