Possiamo definire la fobia specifica come un attacco di ansia. Sul piano somatico, avviene quindi una reazione del nervo vago che a sua volta scatena segnali corporei. I suoi sintomi,  come la tachicardia e la sudorazione nascono per combattere la sensazione di disagio verso uno stimolo (vedi il Disturbo da Attacco di panico). Si tratta di un disturbo abbastanza frequente che colpisce quasi il 10% della popolazione occidentale, per la maggior parte donne, e con l’età tende ad attenuarsi.

Cosa scatena la scatena

Possiamo definire la fobia specifica come ansia verso determinati oggetti e situazioni.
Lo stimolo scatenante può essere di varia natura: insetti, animali, situazioni, persone, oggetti e mezzi di trasporto.

La reazione di paura se continua nel tempo diventa affaticante e porta a comportamenti evitanti che possono peggiorare la qualità della vita.

Quali caratteristiche di personalità predispongono alla fobia specifica?

Essa nasce di solito in un tipo di personalità più votata al controllo della situazione tramite l’inibizione del proprio comportamento. Ci può essere inoltre una correlazione  all’abuso fisico o sessuale in età infantile. Inoltre può essere preceduta da un lutto importante, a cui si reagisce alzando le difese di controllo. Questo tipo di fobia di solito si scatena in seguito a un evento traumatico, in cui si collega lo stimolo a una sensazione di malessere. Nel peggiore dei casi in quel frangente è avvenuto un attacco di panico. Come nel Disturbo Post Traumatico da Stress basta assistere ad altre persone sottoposte al trauma, per mutuare la paura.

Quali sono le fobie specifiche?

Fra le varie Fobie specifiche le più comuni sono le fobie:

– del sangue (emofobia)

– degli insetti (entomofobia)

– degli animali (zoofobia)

– dei luoghi piccoli (claustrofobia)

– dei luoghi grandi (agorafobia)

– delle altezze (acrofobia)

– di viaggiare in aereo (avio fobia)

Come curare le fobie specifiche

Il trattamento si avvale di una conoscenza profonda della persona e dei suoi traumi, procedendo per una rielaborazione della storia personale.  lavoriamo in EMDR sulle esperienze passate collegate all’installazione della paura e a quelle in cui  la paura ci ha portato a bloccarci di fronte a ciò che ci spaventa. In seguito quando la psicoterapia eleva il grado di fiducia personale, il coraggio aumenta e piano piano ci si espone allo stimolo fobico. Nei casi in cui si sente il bisogno di avere a fianco il terapeuta, in base alla disponibilità, procediamo assieme in sessioni di esposizione graduata dove il paziente rifà conoscenza dell’oggetto fobico.

Paura dell’aereo, Psicologa a Ravenna e Bologna

Attacchi di panico

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Fobia_specifica

Vuoi parlare del tuo problema?

Contattami tramite il form

oppure tramite i miei recapiti:

Dott.ssa Francesca Savarino

Via Bezzecca 13, 40138 Bologna.

Via della Catalana  3, 48122 Ravenna.

Tel 3929644949

savarino.francesca@libero.it