https://it.wikipedia.org/wiki/Hikikomori

Questo termine giapponese significa “evaporato”, e descrive perfettamente l’idea della scomparsa dell’adolescente dal mondo, ma nello stesso tempo dà idea dell’evanescenza con cui questi ragazzi affrontano le responsabilità della vita.

La prima volta che sentii parlare di questo fenomeno fu 15 anni fa e l’eco proveniva dal Giappone, ai miei occhi una terra piena di tradizioni affascinanti, ma anche ipertecnologicizzata e per certi aspetti  spersonalizzata. Mai avrei pensato di parlare di Hikikomori in Italia. Adolescenti in ritiro sociale: il fenomeno è arrivato anche da noi, a causa di come è cambiata la famiglia e la società.

Forse davvero per certi aspetti stiamo diventando sempre più simili ai giapponesi…

CHE COSA SIGNIFICA HIKIKOMORI

Per definizione si tratta di un ritiro sociale prolungato (almeno sei mesi) con esordio in adolescenza che porta all’abbandono scolastico.

L’Hikikomori nasce da una combinazione di fattori.

Da una parte la mancanza di conflitto e la resa famigliare verso il figlio, che per reazione collaterale non riesce più ad affrontare il conflitto al di fuori della famiglia.

Dall’altra l’ipertecnologia che connette tutto e tutti in una rete priva di linguaggio emotivo e di intenzione.

L’adolescente entra nella gabbia e butta la chiave, non desidera più niente che non sia materiale, ha paura di tutto perciò preferisce non crescere.

Ruggisce ai genitori perché in questa relazione lui si dà l’illusione di poter ancora controllare qualcosa ed essi gli s’inchinano per la sotterranea paura che lui possa morire.

COME AIUTARE GLI HIKIKOMORI

Trovo difficile che un Hikikomori chieda aiuto da solo. È più probabile che siano i genitori a farlo e questo ovviamente può ostacolare l’alleanza terapeutica. Per questo propongo almeno nella fase iniziale della psicoterapia la web therapy, perché appunto si svolge nel suo canale preferenziale: internet. Successivamente sarebbe opportuna la terapia domiciliare e infine quella in studio.

Adolescenti in ritiro sociale.

Vuoi parlarmi del tuo problema?