Adolescenti / Adulti / disturbo ossessivo compulsivo / Emdr / Senza categoria / Trauma

EMDR sul Disturbo Ossessivo

EMDR sul Disturbo ossessivo

Chi porta in terapia il  disturbo ossessivo compulsivo, come unica causa dei suoi mali, solitamente rivela grande lucidità, buon senso e spirito analitico, ed è proprio grazie a queste qualità che nonostante tutto ha chiede aiuto e si dà speranza per migliorare la sua vita. Chi soffre di questo problema ha un animo sensibile e acutamente osservatore che va apertamente in contrasto con i sintomi del disturbo che vengono percepiti come bizzarrie di cui ci si vuole liberare. Questo permette sul piano pratico, ad inizio terapia, di costruire un’alleanza forte. Il dubbio di essere capaci a cambiare è tutto su di sé e non sul terapeuta. Ed è un dubbio sovrastante, che non permette proroghe, né lascia scampo.
Come sappiamo il disturbo ossessivo compulsivo dispone di tre varianti: disturbo del pensiero siero (ossessivo), disturbo del comportamento (compulsivo) o entrambi i disturbi assieme.

Come funziona la mente con il Disturbo Ossessivo compulsivo

La caratteristica principale è la pervasività del disturbo sulla qualità della vita. La persona deve fare quel pensiero o deve agire quel comportamento altrimenti capiterà qualcosa di grave. Le aree di gravità sono disparate ma tutte unite dal seguente concetto: “la responsabilità è tua è solo tua”.
Se non cambio pensiero subito vuole dire che sono omicida o pedofilo.
Se non faccio una ripetuta di lavaggi secondo un determinato ordine allora resterò sporco e/o contagioso.
Se non controllo il gas 10 volte salterà la casa per colpa mia.
Se non salto su 10 mattonelle i miei genitori moriranno.

Capite che per sostenere questi dilemmi, o sei dotato di un incredibile forza psicologica, oppure soccombi.
È proprio questa forza che in terapia diventa la maggior alleata.

Ma quali sono le cause del disturbo ossessivo compulsivo?


Per molto tempo si è pensato che l’OCD, cioè il Disturbo Ossessivo Compulsivo avesse solo una causa genetica: studi sui gemelli hanno trovato una correlazione che varia dal 30 al 60 per cento e far familiari di primo grado la percentuale di probabilità si alza al 23%. Recentemente la New York University ha pubblicato uno studio che dimostra come in soggetti affetti da OCD. ci fosse un iperattività nel nucleo caudato del cervello durante la scelta nel Trial. Questa regione cerebrale è in grado di valutare se uno stimolo è positivo o negativo per il soggetto è imbase a questo invia o meno l’impulso. Questo starebbe alla base della difficoltà di scelta, tipica di chi soffre di OCD.
Quindi potrebbe trattarsi di un disfunzionamento congenito.
Questo spiegherebbe la facilità con cui chi ne soffre riesce a prenderne le distanze ed il vantaggio in terapia che ne deriva: se le persone imparano a riconoscere e distanziarsi dalle parti di sè che agiscono in maniera disfunzionale iniziano a sentirsi capaci di gestirle.
EMDR e disturbo ossessivo

Come agisce la terapia con EMDR SUL DISTURBO COMPULSIVO?

Naturalmente la prima fase della terapia EMDR (ma anche degli altri approcci che seguo, come DBR, EGO STATE THERAPY e SENSORY MOTOR) vuole un rinforzo dell’IO, lavorando sulla persona per costruire una base sicura di tranquillità. In questo senso si lavora sulla storia della persona i punti importanti per la costruzione della sua identità. Questo lavoro comunque perdura per tutto il tempo di terapia e viene utilizzato ogni volta che il paziente fa un passetto in più nel contrastare LA PARTE DUBBIOSA. Quella parte di lei-lui che ostacola la scelta di responsabilità (es. adesso basta. Mi sono lavato bene. Chiudi il rubinetto) e che adesso possiamo sapere genera dal nucleo caudato. Ogni volta rinforziamo gli argini.

Poi si lavora sia sul passato, cioè sugli eventi scatenanti collegati alla PARTE DUBBIOSA , sia sul presente, abbassando l’attivazione ansiosa sulle scene Del disturbo ossessivo.
Inoltre utilizzo tecniche per la gestione dello Stress, come ad esempio, i 4 elementi di Elan Shapiro, che il paziente farà sue esercitandosi a casa.

CONCLUSIONI

La struttura dell’OCD è molto rigida, per tanto il cambiamento c’è ma non possiamo pensare che le parti disfunzionali possano autosopprimersi. Ma si può fare davvero tanto per tornare a sentirsi padroni della propria esistenza.

Lavorando in terapia con l’uso dell’Emdr sul disturbo ossessivo compulsivo la qualità della vita può migliorare moltissimo così come la frequenza delle ossessioni e delle compulsioni.

Psicologa a Ravenna Bologna