08 Dic 2022

Adolescenti / Adulti / Ansia / Depressione / didturbi ossessivo compulsivo / Disturbi alimentari / disturbo ossessivo compulsivo / Emdr / Famiglia / italiani all’estero / Panico / Trauma

Psicologa a Ravenna
Psicologa a Ravenna e Bologna

Nasco qui, in questa perla strategica della Romagna, rinomata per l’accoglienza, il buon cibo e il mare a portata di bicicletta, e sebbene io abbia cambiato residenza ormai da un decennio, ho sempre mantenuto uno spazio di attività fra i luoghi che conosco e mi hanno vista crescere. -psicologa a Ravenna-


Attività psicologiche a Ravenna

Come psicologa a Ravenna ho potuto perfezionare l’attività di sportellò psicologico nelle scuole nei licei: Aristico, Classico, ed economico sociale per 11 anni e presso le sedi comunali, occupandomi sia degli adolescenti che degli adulti che ne richiedevano l’accesso.

Inoltre, come psicologa a Ravenna dal 2002 ho avviato il mio studio professionale, dove affronto le problematiche psicologiche più rilevanti in questo secondo millennio ferito da gravissimi eventi come la guerra e la pandemia.

Mi occupo perciò grazie ad un approccio integrato fra psicoterapia dialettica e tecniche desensibilizzazione dello stress e del trauma (EMDR DBR ecc..)di lenire l’ansia, la depressione il lutto e curare, gli attacchi di panico, i disturbi ossessivo compulsivi, e dei disturbi alimentari, anoressia, bulimia, binge eating. Mi occupo inoltre dai problemi derivanti dal discontrollo degli impulsi come la tricotillomania, onicofagia, prurito psicosomatico e dai disagimpsicologici derivati da malattie invalidanti come la psoriasi e la dermatite atopica. Per quanto riguarda le tematiche più recenti affrontate in psicoterapia, a seguito del lungo periodo di lock down mi trovo sempre più spesso a lavorare con stati di disconnessione e disregolazione emotiva è vero e propri stati dissociativi.

-psicologa a Ravenna-

I miei nuovi strumenti per affrontare il disagio psicologico e il trauma

Home

Dottoressa Francesca Savarino

Via della Catalana 3 Ravenna

Via Bezzecca 13 Bologna

39296449494 savarino.francescapsy@gmail.com

Psicoterapia a Ravenna e Bologna 08 Dic 2022

Adolescenti / Adulti / Ansia / Depressione / didturbi ossessivo compulsivo / Disturbi alimentari / disturbo ossessivo compulsivo / Emdr / Famiglia / Panico / Senza categoria / Trauma

Articoli

Sono Francesca Savarino, psicologa e psicoterapeuta e questi sono gli articoli del mio blog. In questa sezione potrete leggere gli articoli che scrivo e le mie riflessioni sugli aspetti problematici sul piano sociale e psicologico che incontro sia nel lavoro in studio. In questo blog cerco di riflettere sulle problematiche che affronto assieme al cliente osservando l’impatto che gli enormi cambiamenti di questi ultimi decenni hanno avuto sulla nostra vita.

Questo spazio editoriale serve anche per rappresentare le intuizioni e le nuove strategie di cambiamento con cui mi muovo quando affronto con il cliente ciò che per lui è più doloroso. Queste strategie fanno parte di un bacino sempre in mutamento e in sviluppo grazie alle nuove indicazioni terapeutiche supportate anche dal punto di vista scientifico, che mettono al centro della cura psiche e corpo.

Gli articoli di questo blog non rispettano un ordine preciso, se non quello cronologico con cui li ho scritti. Del resto quando ti trovi a lavorare in studio fra un caso e l’altro, tendi a riflettere su una marea di connessioni, a volte sovrapponibili, ma sempre diverse e ricche di sfaccettature. Ecco di seguito l’elenco su cui cliccare per entrare direttamente nell’articolo scelto, e a seguire a rotazione tutti gli articoli.

Psicoterapia a Ravenna e Bologna


Multitasking Vs. Millenials

L’adolescenza e il ritiro sociale: gli Hikikomori

Disagio derivato dal proprio orientamento sessuale

EMDR sul Disturbo Ossessivo

Disturbi alimentari e EMDR

Quando il padre è questo sconosciuto

L’adolescenza e il ritiro sociale: gli Hikikomori

Italiani all’estero”

Depressione femminile

Didattica a distanza (DAD) e ritiro sociale

Bullismo

Disturbi alimentari e attaccamento

Via Bezzecca 13 Bologna
Via della Catalana 3 Ravenna

Adolescenti / Adulti / disturbo ossessivo compulsivo / Emdr / Trauma

EMDR sul Disturbo Ossessivo

EMDR sul Disturbo ossessivo

Chi porta in terapia il  disturbo ossessivo compulsivo, come unica causa dei suoi mali, solitamente rivela grande lucidità, buon senso e spirito analitico, ed è proprio grazie a queste qualità che nonostante tutto ha chiede aiuto e si dà speranza per migliorare la sua vita. Chi soffre di questo problema ha un animo sensibile e acutamente osservatore che va apertamente in contrasto con i sintomi del disturbo che vengono percepiti come bizzarrie di cui ci si vuole liberare. Questo permette sul piano pratico, ad inizio terapia con Emdr sul disturbo ossessivo, di costruire un’alleanza forte. Il dubbio di essere capaci a cambiare è tutto su di sé e non sul terapeuta. Ed è un dubbio sovrastante, che non permette proroghe, né lascia scampo.
Come sappiamo il disturbo ossessivo compulsivo dispone di tre varianti: disturbo del pensiero siero (ossessivo), disturbo del comportamento (compulsivo) o entrambi i disturbi assieme.

Come funziona la mente con il Disturbo Ossessivo compulsivo

La caratteristica principale è la pervasività del disturbo sulla qualità della vita. La persona deve fare quel pensiero o deve agire quel comportamento altrimenti capiterà qualcosa di grave. Le aree di gravità sono disparate ma tutte unite dal seguente concetto: “la responsabilità è tua è solo tua”.
Se non cambio pensiero subito vuole dire che sono omicida o pedofilo.
Se non faccio una ripetuta di lavaggi secondo un determinato ordine allora resterò sporco e/o contagioso.
Se non controllo il gas 10 volte salterà la casa per colpa mia.
Se non salto su 10 mattonelle i miei genitori moriranno.

Capite che per sostenere questi dilemmi, o sei dotato di un incredibile forza psicologica, oppure soccombi.
È proprio questa forza che in terapia diventa la maggior alleata.

Ma quali sono le cause del disturbo ossessivo compulsivo?


Per molto tempo si è pensato che l’OCD, cioè il Disturbo Ossessivo Compulsivo avesse solo una causa genetica: studi sui gemelli hanno trovato una correlazione che varia dal 30 al 60 per cento e far familiari di primo grado la percentuale di probabilità si alza al 23%. Recentemente la New York University ha pubblicato uno studio che dimostra come in soggetti affetti da OCD. ci fosse un iperattività nel nucleo caudato del cervello durante la scelta nel Trial. Questa regione cerebrale è in grado di valutare se uno stimolo è positivo o negativo per il soggetto è imbase a questo invia o meno l’impulso. Questo starebbe alla base della difficoltà di scelta, tipica di chi soffre di OCD.
Quindi potrebbe trattarsi di un disfunzionamento congenito.
Questo spiegherebbe la facilità con cui chi ne soffre riesce a prenderne le distanze ed il vantaggio in terapia che ne deriva: se le persone imparano a riconoscere e distanziarsi dalle parti di sè che agiscono in maniera disfunzionale iniziano a sentirsi capaci di gestirle.
EMDR e disturbo ossessivo

Come agisce la terapia con EMDR SUL DISTURBO COMPULSIVO?

Naturalmente la prima fase della terapia EMDR (ma anche degli altri approcci che seguo, come DBR, EGO STATE THERAPY e SENSORY MOTOR) vuole un rinforzo dell’IO, lavorando sulla persona per costruire una base sicura di tranquillità. In questo senso si lavora sulla storia della persona i punti importanti per la costruzione della sua identità. Questo lavoro comunque perdura per tutto il tempo di terapia e viene utilizzato ogni volta che il paziente fa un passetto in più nel contrastare LA PARTE DUBBIOSA. Quella parte di lei-lui che ostacola la scelta di responsabilità (es. adesso basta. Mi sono lavato bene. Chiudi il rubinetto) e che adesso possiamo sapere genera dal nucleo caudato. Ogni volta rinforziamo gli argini.

Poi si lavora sia sul passato, cioè sugli eventi scatenanti collegati alla PARTE DUBBIOSA , sia sul presente, abbassando l’attivazione ansiosa sulle scene Del disturbo ossessivo.
Inoltre utilizzo tecniche per la gestione dello Stress, come ad esempio, i 4 elementi di Elan Shapiro, che il paziente farà sue esercitandosi a casa.

CONCLUSIONI

La struttura dell’OCD è molto rigida, per tanto il cambiamento c’è ma non possiamo pensare che le parti disfunzionali possano autosopprimersi. Ma si può fare davvero tanto per tornare a sentirsi padroni della propria esistenza.

Lavorando in terapia con l’uso dell’Emdr sul disturbo ossessivo compulsivo la qualità della vita può migliorare moltissimo così come la frequenza delle ossessioni e delle compulsioni.

Dott. Francesca Savarino

Via Bezzecca 13 Bologna

Via della Catalana 3 Ravenna

3929644949 savarino.francescapsy@gmail.com

Adolescenti / Adulti / Disturbi alimentari / Emdr

Disturbi alimentari e EMDR
Cura dei Disturbi alimentari con EMDR Francesca Savarino

Se c’è una cosa che ho imparato usando l’EMDR, è che è come il prezzemolo, se c’è una buona responsività da parte del paziente, sta bene dappertutto nel percorso terapeutico. Negli anni ‘80 era un detto molto usato e curiosamente è proprio in questo decennio che Francine Shapiro scopre che il movimento oculare riesce a curare i traumi. So che sembra molto riduttiva come introduzione, ma voglio partire dal semplice, per spiegarvi perché l’EMDR FUNZIONA ANCHE CON I DISTURBI ALIMENTARI.

Partiamo da questo primo concetto: l’EMDR è una tecnica di elaborazione cerebrale profonda e potente.

Come funziona l’emdr in sintesi? Partendo dal fatto che la maggior parte di nostri ricordi a sfondo emotivo è depositata nel cervello destro, e che spesso non c’è molto collegamento fra questo e il cervello sinistro (che invece è pragmatico), ecco spiegato il perché tendiamo a rispondere nei momenti di stress, sempre in maniera emotiva e ripetitiva: Ci diciamo le stesse cose e questo non fa che rinforzare un circuito che di per sé è già abbastanza chiuso.


L’EMDR RIPRISTINA IL COLLEGAMENTO


Grazie a sessioni strutturate in cui si rientra celermente nelle situazioni dolorose e propriamente traumatiche, la persona, in maniera molto veloce, attraversa il ricordo ed il disturbo legato ad esso ed inizia a provare pensieri, sensazioni ed emozioni nuove. Questo avviene anche con persone che soffrono di anoressia, bulimia e obesità, perché anche i disturbi alimentari, che spesso sembrano non rispondere a nessun ragionamento e non rientrano di fronte a nessuna logica, nemmeno quella della morte, hanno avuto dei fattori scatenanti e dei fattori precipitanti.

IN TERAPIA con L’EMDR nei disturbi alimentari affrontiamo passato presente e futuro.

PRESENTE
Spesso esistono convinzioni radicate nella persona che con l’avvento del Disturbo alimentare si sono trasformate in vere e proprie catene d’acciaio.
Così come insegna il secondo livello di formazione in EMDR, ma anche l’Ego State Therapy, dobbiamo iniziare a dialogare con le parti, anche con quelle che sono cocciutissime Rotthermeyer (che non è una porzione di cervello nominata come qualche collega più anziano e barbuto, ma è proprio l’irreprensibile tutrice di Heidi, o almeno io me le immagino così). Ecco. Queste parti, IPERCRITICHE e DUBBIOSE, attraverso il dialogo rinforzato da sessioni di lateralizzazione (che fanno sempre bene per amplificare l’esperienza quando col paziente abbiamo fatto un buon lavoro), un po’ alla volta iniziano a trattare.
Non cedono, ma trattano. Se pensiamo quanto sia importante l’illusione del controllo nei disturbi alimentari, potete comprendere quanto sia più utile lavorare sulla mediazione piuttosto che sulla guerra

PASSATO
Partiamo dai ricordi dei fattori scatenanti, precipitanti.
Shapiro li avrebbe definiti traumi con la t minuscola, cioè traumi relazionali in apparenza non così gravi, che però nel tempo hanno scavato solchi nella psiche come la goccia d’acqua nella roccia.
In TERAPIA, con L’EMDR affrontiamo i ricordi dei fattori scatenanti, precipitanti e non solo.

FUTURO
Quando hai a che fare con i disturbi alimentari, devi tenere da conto che a fare frizione non è solo la parte mista critico-dubbiosa che la persona sente parlare ma anche le fantasie disastrose relative al futuro durante il percorso di guarigione.
Queste fantasie riguardano in primis un corpo che non ci piacerà perché avrà ripreso dei chili e tutto quello che concerne portarlo a spasso in mezzo agli altri. In questo caso l’EMDR lavora sulle scene future in cui la persona potrà trovarsi in difficoltà, affinché proiettandosi al futuro l’ansia possa scendere e diventare meno fastidiosa durante i progressi.

Ma bastano queste tecniche per garantire il successo terapeutico nel trattamento dei disturbi alimentari?


Certo che no. Una psicoterapia è per prima cosa un incontro di anime. Se non avviene, se non si crea una buona alleanza terapeutica fra terapeuta e paziente, puoi avere e proporre tutti gli strumenti innovativi di questa terra ma non funzionerà.
Primo perché l’EMDR (che spero in questo articolo di aver introdotto semplicemente) non è proprio semplice da attuare col paziente. Essendo una tecnica basata su un doppio focus di attenzione, il paziente deve avere buona fiducia nel terapeuta e di rimando in se stesso per riuscire a stare nella pratica.


Secondo perché la relazione e l’esperienza che si fa in questa, che è riparativa rispetto a tutte le altre fa da collante a tutti momenti in cui si lavorerà con queste tecniche che sono focalizzate sul corpo.

Terzo, perché ci sono persone che amano la terapia dialettica classica ed è giusto andare incontro alla preferenza delle persone… Perché ogni persona è unica.

Disturbi alimentari e lock down

http://Anoressia

Problematiche

anoressiabulimia

Dottoressa Francesca Savarino

Via della Catalana 3 Ravenna

Via Bezzecca 13 Bologna

3929644949

savarino.francescapsy@gmail.com

COME FUNZIONA LA TERAPIA EMDR NELLA CURA DI ANORESSIA, BULIMIA E OBESITÀ.

Cura della depressione Psicologa Ravenna Bologna Dott. Savarino 08 Apr 2022

Adolescenti / Depressione / Emdr / Famiglia / Trauma

Depressione femminile

Depressione femminile e incapacitá di dire di no.

Mi capita molto spesso lavorando con gli adulti come Psicologa a Ravenna e Bologna , di incontrare donne , che arrivano in terapia perché si sono rese conto che la maggior parte delle scelte fatte nella loro vita non sono state libere, ma hanno funzionato da compromesso con i loro sensi di colpa e il loro senso del dovere . Sono donne sfinite dai mille compiti che si sono accollati nella vita e spesso si sentono estremamente sole  di fronte ad essi.

Quando iniziano una terapia spesso sono già mogli, madri e grandemente lavoratrici. Hanno aspettato decenni per iniziare perché in un modo o nell’altro sono sempre riuscite a fare tutto ma è come se un certo evento abbia illuminato il cratere che le separa dalla felicità consapevole. -depressione femminile-

Piccola definizione della felicità

Intendiamoci, non possiamo essere sempre felici, ma possiamo sentirci profondamente in contatto con ciò che ci fa felici, e riuscire a risintonizzarci frequentemente con questa emozione. Perché per natura un emozione è di durata breve.

Il bambino che c’è in noi

Una donna che arriva a mettere in dubbio l’autenticità delle  scelte che ha fatto nella sua vita quasi sempre è stata un genitore dei propri genitori.

Sul piano cognitivo ha funzionato e funziona benissimo, ma sul piano emotivo è come se una parte di lei fosse rimasta a quell’età ribadendo sempre a se stessa ciò che ha imparato: “è necessario   che io accolga i problemi degli altri, anche se poi non ci sarà più spazio”.

Assertività

Quando si cresce con questo diktat solitamente non si fa esperienza con la RABBIA.

ESSA è vissuta come minacciosa. Spesso si pensa che la conseguenza della rabbia sia la distruzione e soprattutto l’abbandono dei propri cari.

Esiste però una forma comunicativa chiamata ASSERTIVITÀ che ti permette di esprimere la rabbia senza ferire nessuno.

Le conseguenze della mancanza di espressione della rabbia.

Quando una persona non può permettersi di esprimere la propria rabbia inevitabilmente la introietta, la rivolge cioè verso se stesso. Questo processo porta frustrazione, bassa autostima e DEPRESSIONE.

Essendo però persone ad alto funzionamento, giungono in terapia lamentando pochi sintomi, spesso somatici,  come ad esempio, reflusso gastroesofageo o sindromi dolorose atopiche più o meno diagnosticate, e problematiche funzionali come l’insonnia.

-depressione femminile-

Chi sono

Disturbi alimentari e lock down

Read More “Depressione femminile”